Immigrati: Coalizione migranti, morti sono conseguenza politiche Ue

'Ogni vita umana persa è crimine sulla coscienza dei governanti'

Roma -

"Ogni vita umana persa è un crimine sulla coscienza politica e morale dei governanti. Si tratta delle conseguenze delle politiche volute dall'Unione Europea, dai suoi stati membri con la complicità di governi dei paesi di provenienza dei migranti. Poiché costretti a fuggire da questa guerra economica permanente in corso in Siria e in Africa in particolare" Cosi la reazione di fronte all'ennesima tragedia di Aboubakar Soumahoro dirigente sindacale Usb e portavoce della Coalizione Internazionale dei Sans-papiers e Migranti.

"Queste erano le ragioni della Carovana Europea che si è appena conclusa a Bruxelles. Il primo ministro Matteo Renzi - prosegue Soumahoro - deve sapere che le cause di questa tragedia sono anche il risultato degli accordi bilaterali tra l'Italia e alcuni paesi della sponda sud del mar mediterraneo. Accordi che hanno causato morti e violazione dei diritti umani. Per questo motivo porteremo a Roma nel mese di ottobre anche i familiari delle vittime all'appuntamento Europeo ed internazionale nel pieno della presidenza italiana dell'Unione Europea".

L'evento di ottobre è stato proposto dalla delegazione italiana, composta dal Movimento Migranti Rifugiati, dall'Usb insieme alla Coalizione Internazionale dei Sans - papiers e Migranti, durante la settimana della Carovana Europea che si è conclusa a Bruxelles il 27 giugno.

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati